Colf - Colf e badanti

Sidebar

16
Lun, Set

Colf

alt

Colf è il termine usato nel linguaggio comune per indicare chi, all'interno dell'ambiente domestico, è addetto alla cura della casa e alle pulizie domestiche.

Le mansioni tipiche di una colf, ovvero collaboratore o collaboratrice familiare, rientrano nell’area dei servizi familiari, non addetti all’assistenza di persone.

Nella definizione proposta dall'OIL (Organizzazione internazionale del lavoro), "i collaboratori domestici e gli addetti alle pulizie domestiche spazzano, puliscono con l'aspirapolvere, lavano e incerano i pavimenti, si occupano della biancheria, comperano le provviste necessarie, preparano i pasti, li servono e si occupano di molte altre attività domestiche."

Nel caso in cui una lavoratrice o un lavoratore domestico eseguano compiti plurimi, ovvero, oltre a tenere in ordine e pulita la casa, si occupino anche di assistere i componenti della famiglia (bambini, anziani, disabili), le mansioni di cura alla persona sono considerate prevalenti sulle altre.

Questa distinzione è importante, perché il livello di inquadramento relativo è superiore nel caso dell'assistenza, anche nel caso di prima esperienza professionale. Vedi: Badanti.


In termini di categoria contrattuale, un collaboratore o collaboratrice familiare, a seconda dell'esperienza professionale e della competenza, vengono inquadrati come segue:

  • Livello A, semplice: lavoratori generici senza esperienza lavorativa o con un’esperienza professionale non superiore ai 12 mesi
  • Livello B, semplice: Lavoratori con esperienza lavorativa superiore ai 12 mesi, senza autonomia decisionale

I lavoratori con diplomi specifici o elevate competenze non vanno inquadrati come colf ma in categorie superiori. Se provvisti di diplomi si configurano come collaboratori specializzati. Vedi: Collaboratori specializzati.