I requisiti - Colf e badanti

Sidebar

19
Gio, Set

Requisiti

guidelinesPerché la richiesta venga accettata, dovranno sussistere le seguenti condizioni. Mancando una sola di queste condizioni, il datore di lavoro non otterrà l’autorizzazione all’ingresso del cittadino extracomunitario residente all’estero.

 

 

  • Datore di lavoro: deve dimostrare di possedere una congrua capacità economica che gli consenta di sostenere gli oneri retributivi e assicurativi legati all’assunzione del lavoratore.
  • Lavoratore: deve essere residente all’estero e non deve essere stato condannato in Italia o all’interno dell’area Schengen per reati a favore dell’immigrazione clandestina, dello sfruttamento della prostituzione o in materia di stupefacenti nonché per altri tipi di reati come la rapina, il furto, l’estorsione, ecc. Inoltre non deve aver subito un provvedimento di espulsione dall’area Schengen, della quale fa parte anche l’Italia.
  • Rapporto di lavoro: la durata dell’orario di lavoro non può essere inferiore alle 20 ore settimanali e la retribuzione minima mensile da garantire deve essere almeno pari all’importo dell’assegno sociale dell’anno di riferimento.

 

  • Se sussistono tutte queste condizioni, si può procedere alla domanda. Vedi: La Domanda.


    Se il lavoratore extracomunitario lavora già presso un datore residente in Italia non può essere regolarizzato con il meccanismo dei flussi.