Cittadinanza. Che documento posso usare per dimostrare il reddito? - Colf e badanti

Sidebar

25
Sab, Feb

L' esperto risponde

altSalve. Lavoro come colf e non ho né un modello Cud né una dichiarazione di reddito. Che documento posso allegare alla richiesta di cittadinanza per residenza per dimostrare di avere un reddito?

07 gennaio 2014 – Quando si presenta la domanda di richiesta della cittadinanza italiana per motivi di residenza, ai sensi dell’art. 9 della Legge n. 91/92, lo straniero deve dimostrare di essere in possesso di un reddito minino per almeno il triennio antecedente alla presentazione della domanda (Decreto del Ministero dell’Interno del 22 novembre 1994).

L’importo del reddito minimo necessario per presentare la domanda della cittadinanza non può essere inferiore all’importo richiesto per l’esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria che è pari a € 8.500 per singolo individuo. Se il richiedente non raggiunge autonomamente il reddito richiesto può fare cumulo con quello del nucleo familiare, ma a questo punto si richiede un minimo pari a €11.500 e per ogni figlio a carico bisogna aggiungere €550 in più.

Chi lavora come collaboratore domestico può soddisfare questo requisito presentando lo Estratto Conto contributivo dell’Inps. Tale certificato, infatti, dimostra tutti i contributi versati a favore del lavoratore fin dall’apertura della propria posizione assicurativa indipendentemente dal tipo di lavoro o contratto svolto. All’interno del certificato sono riportati i dati anagrafici dell’interessato; il periodo di riferimento per i quali sono stati versati i contributi e tutti i dati relativi ai versamenti previdenziali.

Si può accedere a questo documento direttamente sul sito dell’Inps, nella sezione di servizi per il cittadino, utilizzando il codice di identificazione personale PIN. Altrimenti si può riceverlo chiamando da rete fissa al numero gratuito dell’Inps 803164 o al numero a pagamento 06164164 dal cellulare. È possibile, inoltre, richiederlo con l’assistenza di un Patronato, di un Centro di assistenza fiscale o di un professionista abilitato.

D.ssa Maria Elena Arguello