Il contratto di assunzione per colf e badanti - Colf e badanti

Sidebar

18
Ven, Gen

Il contratto di assunzione

altUna volta che datore di lavoro e lavoratore hanno trovato un accordo verbale sulle condizioni di impiego, è consigliabile (ma non obbligatorio) mettere il tutto per iscritto in una lettera d’assunzione (scarica il modulo).

Vero e proprio contratto di lavoro, il documento dovrà contenere tutti i termini dell’accordo, nel rispetto delle norme e delle condizioni contrattuali minime previste dal Contratto collettivo, con cui non può essere in contrasto.

Datore di lavoro e lavoratore potranno accordarsi su condizioni di lavoro diverse da quelle indicate dalla legge, purché risultino più favorevoli per il lavoratore.

Il contratto deve essere redatto in due copie, una per il datore di lavoro, una per il lavoratore. Le due copie devono essere firmate da entrambi le parti.

In assenza di contratto scritto, in caso di controversia, generalmente vengono fatte valere durante il tentativo di conciliazione le condizioni contrattuali del Contratto Collettivo Nazionale per il Lavoro Domestico.

DATI DEL CONTRATTO

Il contratto dovrà contenere obbligatoriamente i seguenti dati:

Per i collaboratori con meno di 12 mesi di esperienza professionale, non addetti all'assistenze di persone, bisognerà indicare anche l'anzianità di servizio nel livello A o, se maturata prima del 1 marzo 2007, nell'ex terza categoria.

* Per i rapporti di convivenza, il lavoratore dovrà indicare l’eventuale domicilio diverso da quello della convivenza, valido nel caso di sua assenza da quest’ultimo, ovvero validare a tutti gli effetti lo stesso indirizzo della convivenza, anche in caso di sua assenza purché in costanza di rapporto di lavoro.

Scarica il modulo: altLettera di assunzione