gio10022014

Back LICENZIAMENTO E DIMISSIONI Indennità di mancato preavviso Indennità sostitutiva del preavviso

Indennità sostitutiva del preavviso

calcoloIl mancato rispetto del termine di preavviso da parte o del lavoratore o del datore di lavoro comporta l'obbligo di versare all'altra parte una indennità corrispondente alla retribuzione dovuta per il periodo di preavviso.

il datore di lavoro è comunque tenuto a corrispondere al lavoratore dimissionario l'indennità sostitutiva del preavviso qualora, ricevute le dimissioni, decida di allontanarlo dal servizio prima della scadenza del periodo di preavviso.

L'indennità sostitutiva del preavviso è dovuta anche al dipendente dimessosi per giusta causa con effetto immediato.

In questo caso peraltro, la collaboratrice domestica potrà ottenere unicamente l'indennità di preavviso: non potrà invece agire per il risarcimento del danno.

COMPUTO DELL’INDENNITÀ

La cosiddetta indennità sostitutiva del preavviso viene calcolata sulla base della retribuzione percepita dal collaboratore al momento dell’interruzione del rapporto, comprensiva di tredicesima, eventuale vitto e alloggio, oltre a superminimi e scatti di anzianità (= retribuzione oraria effettiva).

Si dovrà dunque moltiplicare la retribuzione oraria effettiva (comprensiva di tutte le voci sopra elencate) per il numero di ore lavorative comprese nei giorni di calendario previsti nei periodo di preavviso di licenziamento o preavviso di dimissioni.

 

Anni di anzianità Giorni di preavviso previsti

Giorni lavorativi nel periodo di preavviso non concesso

per ore lavorative ORE DA INDENNIZZARE
3 15 11 8 88

 

Reetribuzione oraria effettiva per ore da indennizzare

INDENNITA' SOSTITUTIVA

€ 8,23 88 € 724,24