La liquidizione ovvero il TFR - Colf e badanti

Sidebar

16
Lun, Set

La liquidazione ovvero il tfr

tfr-1Quando il rapporto di lavoro domestico termina, per scadenza del contratto, perché la collaboratrice domestica si dimette o viene licenziata, o semplicemente per accordo consensuale tra le parti, il datore dovrà versarle la liquidazione, ovvero il TFR (trattamento di fine rapporto).

Il lavoratore ha diritto ad un trattamento di fine rapporto (TFR) calcolato sull’ammontare delle retribuzioni percepite durante il corso del rapporto di lavoro domestico, comprensive di eventuale vitto e alloggio e di ogni altro componente di retribuzione fisso aggiuntivo rispetto alla retribuzione base ("retribuzione globale di fatto"). .

La quota di TFR maturata viene determinata a fine anno, per ogni anno di servizio. Le quote accantonate vengono poi rivalutate annualmente, in occasione dell'accantonamento della nuova quota annuale.

Il totale del fondo accantonato e del TFR dell'anno corrente viene versato al termine del rapporto di lavoro, qualsiasi sia il motivo della sua interruzione.

Un anticipo sul TFR può essere versato dal datore di lavoro, su richiesta del lavoratore, nella misura massima del 70% di quanto maturato e per non più di una volta all'anno.

In questa sezione il procedimento di calcolo.

In questa sezione: