News - Colf e badanti

Sidebar

22
Mer, Nov

La proliferazione di scuole di italiano per immigrati e di singoli docenti free lance che insegnano la lingua e la cultura italiana a stranieri, che hanno necessità di imparare la lingua del nostro Paese o che trascorrono le vacanze in Italia, è un fenomeno che si registra da molti anni e con un’intensità sempre maggiore.

A tali bisogni è stata fornita una risposta iniziale con il fiorire di scuole che insegnano la nostra lingua ad un pubblico di stranieri. Col passar del tempo le offerte volte a soddisfare la domanda di apprendimento della lingua e della cultura italiana si sono andate diversificando e intensificando.

È nata la figura dell’insegnante di italiano a stranieri, ancora non ufficiale e con gli strumenti, inizialmente poco affinati, offerti dalla glottodidattica. I docenti di italiano a stranieri in origine non avevano una formazione specifica; spesso la loro formazione era affidata alla personale buona volontà e all’interesse dei singoli che svolgevano questo lavoro più per passione, o per arrotondare le proprie entrate, che come regolare attività lavorativa. La situazione odierna è molto cambiata. Gli esami di glottodidattica, inseriti come esami curricolari nei corsi di studio universitari e le numerose certificazioni in didattica dell’italiano a stranieri offerte dalle università italiane impegnate in modo più o meno esclusivo nell’insegnamento dell’italiano a stranieri, sono ormai una realtà nota a tutti. Manca ancora un riconoscimento ufficiale di questa figura così importante del docente di italiano a stranieri, ma siamo sicuri che non tarderà ad arrivare date le quotidiane occasioni in cui si richiedono le sue competenze. Basti pensare alle competenze specifiche che un insegnante della scuola dell’obbligo deve autonomamente procurarsi per gestire al meglio una classe che abbia un numero, anche esiguo, di studenti stranieri. Non parliamo poi delle esigenze dei mediatori culturali e dei facilitatori linguistici volte ad una maggiore integrazione.
Resta aperta, infine, un’altra strada, che porta da una parte, verso l’insegnamento dell’italiano in Italia a stranieri che trascorrono delle vacanze linguistiche nel nostro Paese, dall’altra, invece, raggiunge chi desidera apprendere l’italiano senza recarsi in Italia.
Questa soluzione offre la possibilità ai giovani che intendano trovare un lavoro in Italia di affrontare il futuro in modo innovativo: il docente di italiano a stranieri è ormai a tutti gli effetti uno di quei “nuovi lavori” che in tempo di crisi offrono una risposta affidabile essendo ancora un mercato praticamente sconfinato in cui solo pochi pionieri si sono spinti. D’altro canto per le molteplici esperienze di studio o di soggiorno all’estero che i giovani affrontano, come parte della loro formazione, prima di cercare un lavoro in Italia, l’insegnamento dellla lingua italiana costituisce un “passepartout” quasi indispensabile per avere un lavoro e una fonte di reddito che consenta di vivere all’estero.

Il Master Insegnare Italiano a Stranieri L2 è un percorso formativo che punta a formare personale specializzato nell’insegnamento dell’Italiano agli stranieri in Italia e all’Estero, rispondendo con i mezzi più adeguati ai bisogni linguistici di differenti tipi di pubblico: adulti, adolescenti e bambini immigrati, comunità italiane all’estero, studenti in mobilità. Tale formazione non riguarda soltanto gli insegnanti, ma anche i mediatori culturali e i mediatori linguistici. La formazione deve essere “a tutto campo”, concernente gli aspetti linguistici, comunicativi e interculturali.

Icotea punta a formare insegnanti di italiano a stranieri che conoscano l’italiano, con certificazioni di didattica dell’italiano a stranieri, e ne abbiano studiato la struttura morfosintattica, fonetica e grafemica, lessicale e testuale. Inoltre la figura di insegnante cui Icotea guarda come obiettivo deve conoscere la cultura italiana, la storia, sapendole proporre in modo adeguato al livello di competenza degli studenti.

Infine il master di Icotea forma insegnanti di italiano a stranieri che sappiano usare o creare i materiali didattici, sia quelli manuali che quelli digitali.
Sono previsti incentivi economici:
il percorso formativo è parzialmente finanziato mediante Voucher Formativo. Si tratta di un finanziamento dell'Unione Europea, valido fino al 31/11/2017, che ICOTEA ha ottenuto a copertura parziale dell’importo del Master. Infatti, invece che 999,00, con il Voucher l’investimento previsto è di euro 649,00, IVA compresa. Ecco perché è indispensabile iscriversi entro il 30 novembre 2017.

il pagamento è rateizzabile: prima quota all’atto di iscrizione (€ 249,00) e pagamento a saldo (€ 400,00) a fine Master, senza alcun costo aggiuntivo.

L’inizio del Master avviene nelle 24 ore successive all’iscrizione ed ha la durata di 1800 ore. Il Master è incompatibile con altre attività formative, in quanto vige il divieto di contemporaneità con altri corsi universitari. Sia le lezioni che gli esami sono online, mentre un portale formativo sarà attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Sarà disponibile inoltre un Tutor che entro 24 ore risponderà ad ogni tipo di domanda. Con il Corso Icotea gli immigrati, e coloro che sono esterni al nostro Paese, potranno iniziare a sentirsi meno stranieri.

ICOTEA nasce nel 1998 come Istituto qualificato nel campo della Formazione, accreditato con relativi decreti dal MIUR (Ministero dell'Istruzione, dell'Università e delle Ricerche), dal Ministero della Giustizia e da quelli dello Sviluppo Economico e della Salute.
I titoli conseguiti al termine dei Master e dei Corsi di formazione e aggiornamento sono validi in Italia e all’estero, sia per le libere professioni che per la formazione continua e per i crediti formativi professionali, come anche per l’avanzamento di carriera, i concorsi pubblici e le graduatorie scolastiche. Oggi ICOTEA, avendo ottenuto dal MIUR il titolo di Scuola per Mediatori Linguistici, è abilitata a somministrare anche un Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Linguistica, rilasciando titoli del tutto equipollenti ai diplomi di laurea, ai sensi del D.M. n. 38 del 10/01/2002. Sempre il MIUR ha incluso ICOTEA nell’elenco dei soggetti qualificati e accreditati per la formazione del personale della scuola.

Inoltre, l’istituto è stato autorizzato dal Ministero della Giustizia ad erogare Corsi di formazione per Mediatori/Conciliatori Civili ed a svolgere attività come Organismo di mediazione e conciliazione.
ICOTEA è stato accreditato presso il Ministero della Salute come Provider per la formazione ECM (Educazione Continua in Medicina), mentre il MISE (Ministero dello Sviluppo Economico) ha autorizzato ICOTEA allo svolgimento del corso di formazione per la certificazione energetica degli edifici. Inoltre, numerosi Ordini professionali hanno autorizzato ICOTEA ad organizzare, in ambito nazionale, attività formative a favore dei loro iscritti: Consiglio Nazionale dei Chimici, degli Ingegneri, dei Giornalisti, dei Consulenti del Lavoro, degli Assistenti Sociali, del Notariato, dei Dottori Commercialisti, degli Esperti Contabili, dei Periti Industriali.
Una novità assoluta è costituita dai corsi ICOTEA per la formazione continua degli iscritti al Registro dei Revisori legali.

Parafrasando un antico spot pubblicitario, quello di Icotea è un Brand che crea un’atmosfera: quella della professionalità, della formazione continua, dell’ e-learning, dell’aggiornamento professionale e dell’approfondimento culturale, della qualificazione universitaria e dell’uso delle nuove tecnologie informatiche per la comunicazione e per la formazione.
Il nucleo dei docenti che costituisce la struttura formativa di ICOTEA è costituito dal Preside Prof. Tommaso Barone, Esperto in Sicurezza nei luoghi di lavoro, in particolar modo quelli scolastici, dalla Rettrice Prof.ssa Luciana Barone che, anticipatrice dei processi e vocata al problem solving, ha individuato nell’e-learning la metodologia più consona alle istanze di formazione specifica e di lifelong learning, la Prof.ssa Livia Elena, specialista in lingua e letteratura francesi, direttrice del Settore Laurea, dal Prof. Innocenzo Leontini, direttore del Settore Master, dalla Prof.ssa Cristina Giurdanella, direttrice del Settore Percorsi Formativi, dalla Dott.ssa Romina Ferrante, direttrice del Settore Sicurezza, dal Dott. Salvatore Guastella, collaboratore dello stesso Settore, dalla Dott.ssa Annamaria Frasca, direttrice del Settore Amministrativo e dal Dott. Rosario Gianna, collaboratore del medesimo settore.
Esiste un mondo, a Milano come a Berlino, a Catania come a New York, dove una sempre più folta comunità di utenti cerca tracce e strumenti per orientarsi ed affermarsi nell’ attuale mercato del lavoro. Questa comunità è consapevole che, al suo interno, si sono annullate le tradizionali barriere tra lavoro intellettuale e lavoro manuale, perché una comune risorsa, quella della rete, consente di rendere intellettuale quel che è manuale e, viceversa, manuale quel che è frutto di una ricerca intellettuale e digitale.
ICOTEA ha intercettato da tempo, con visione ampia ed anticipatrice, le esigenze di questa nuova dimensione della formazione, sapendo che essa non ha più i confini di una volta, ma è fatta di nuove frontiere, che attingendo al virtuale, costruiscono il futuro reale.
ICOTEA intende dare il suo contributo alla costruzione di tale futuro. A breve, si doterà di una sede universitaria grande ed attrezzata, che sarà la nuova cabina di regia di una navigazione che intende accompagnare tanti giovani verso un approdo di competenze nuove ed antiche, intellettuali e pratiche, di titoli validi a Roma come a New York, per vivere, lavorare, costruire, insegnare e stare insieme nel mondo amando la diversità culturale e crescendo con essa. Tutte le informazioni utili sull’istituto e sulla sua offerta formativa sono al link http://www.icotea.it/.

ICOTEA, istituto di Alta Formazione Professionale riconosciuto ed accreditato dal MIUR, propone un Corso specifico per “Esperto commerciale in Import-Export”, molto utile sia per soggetti stranieri in Italia che per italiani che volessero intraprendere una carriera professionale al di fuori dei confini nazionali.
Si tratta di un percorso di studi online di 1500 ore agevolato da un Voucher Formativo Finanziato dall’Unione Europea a copertura parziale dell’importo dell’iscrizione, per usufruire del quale è necessario iscriversi entro il 30 Settembre 2017.
Il Corso riconosce 19 CFU utili per accedere al Corso di Laurea Triennale in Scienza della Mediazione Linguistica, senza dover sostenere alcun test di ingresso. Gli sbocchi professionali riguardano aziende di qualsiasi settore e dimensione, dalle più grandi a quelle di piccole e medie dimensioni, da quelle di produzione a quelle che forniscono servizi, con sede sia in Italia che all’estero.
Il piano di studi prevede l’approfondimento di temi legati al marketing, alle tecniche di vendita e comunicazione, all’elaborazione di dati e statistiche, fino all’acquisizione di competenze linguistico-commerciali.
Molte aziende cercano oggi una figura di esperto commerciale capace di curare i rapporti con l’estero e di seguire l’evoluzione del mercato commerciale italiano, europeo e mondiale, soprattutto data l’attuale situazione economica che impone un’attenzione particolare ai mercati esteri, in un contesto di competizione globale.
I confini economici non esistono più, ma sono ancora presenti e influenti le barriere linguistiche e culturali, che possono costituire un ostacolo a proficue relazioni commerciali. È per tale ragione che una realtà aziendale che si affaccia in un’economia globalizzata deve poter avvalersi di un competente esperto commerciale in import-export. Ed è per tale ragione che gli stranieri in Italia possono assolvere questo ruolo professionale, sia per la conoscenza del paese di provenienza che per il possesso delle lingue commercialmente veicolari verso i mercati globali.
Spesso nella pratica i commerciali esteri ricoprono due tipologie di ruoli: o lavorano a stretto contatto con il pubblico, cercando attivamente nuovi clienti e mantenendo i rapporti con quelli già consolidati, recandosi a fiere e occupandosi di negoziare prezzi e ordini, oppure svolgono attività di back office, cioè di lavoro “dietro le quinte”, preparando offerte da presentare ai clienti, gestendo gli ordini ed effettuando ricerche mirate su prodotti specifici e mercati esteri.
È chiaro quindi come nelle imprese export oriented ci sia sempre più bisogno dell’esperto di commercio estero. Una volta inseriti in azienda le possibilità di carriera in questo settore sono ottime. Per trovare un impiego, la strada da intraprendere è quella di sottoporre la propria candidatura a quante più aziende possibili, tenendosi informati tramite gli annunci economici dei quotidiani e dei siti web.
Il corso prepara all’ inserimento professionale in Società di Import – Export, in Italia e all’Estero, nelle Camere di Commercio all’Estero, ed alla professione di intermediario per i mercati esteri.
Il Portale Formativo è attivo 24 ore su 24 e sia le lezioni che gli esami sono a distanza/online, fruibili direttamente dal proprio pc, da qualsiasi luogo ed in qualsiasi momento.
Icotea mette a disposizione un supporto sempre disponibile grazie a dei tutor pronti a rispondere tempestivamente alle richieste dei corsisti. Inoltre il piano di studi prevede l’approfondimento di temi legati al marketing, alle tecniche di vendita e comunicazione, all’elaborazione di dati e statistiche, fino all’acquisizione di competenze linguistico-commerciali.
Informazioni più complete si possono ottenere visitando il sito www.icotea.it

Gli stranieri che vivono in Italia sono veramente tantissimi: in grande prevalenza si tratta di immigrati provenienti dal continente africano, dalle Filippine e dai paesi europei dell’Est, nella fattispecie Romania e Albania.
ICOTEA ha istituito un Corso di Laurea on line in Scienze della Mediazione Linguistica di durata triennale, per permettere agli studenti di acquisire una formazione culturale e linguistica di alto livello in almeno due lingue straniere (Inglese e Francese), ed una preparazione di base nello spagnolo e nel tedesco.
Lo scopo del Corso di Laurea è quello di fornire agli studenti gli strumenti indispensabili per orientarsi nelle più eterogenee prove della comunicazione linguistica, italiana e straniera, preparando una solida base culturale per un autorevole ingresso nel mondo del lavoro o per una eventuale prosecuzione degli studi nell'ambito di Corsi di Laurea Magistrale o di Master di primo livello.
Gli stranieri che si trovano nel nostro Paese potranno seguire con grande profitto il Corso di Laurea Icotea. Ne potranno derivare un’attitudine comunicativa ed una capacità di orientamento in tutti quei contesti lavorativi nei quali è centrale il rapporto interpersonale, verbale e non verbale. La competenza complessivamente acquisita consentirà ai frequentanti di svolgere molteplici attività riguardanti la mediazione interlinguistica. Gli ambiti di tali attività vanno dalle relazioni internazionali alle funzioni di mediazione interlinguistica in molteplici settori, fino alla trattativa di impresa o interpersonale di varia natura; i laureati al corso di Scienze della Mediazione Linguistica saranno in grado di svolgere compiti di ricerca terminologica plurilingue.
Nella pubblica amministrazione, potranno gestire i rapporti con il pubblico e con le istituzioni nazionali e internazionali e fornire assistenza linguistica agli enti operanti in contesti plurilinguistici.
Inoltre, i laureati potranno fornire assistenza e consulenza linguistica agli enti pubblici e privati operanti in realtà multinazionali e sapranno applicare competenze traduttive scritte e orali, gestire informazioni scritte e orali in vari settori in almeno due lingue, oltre l’italiano, e sapranno tradurre testi complessi nel settore del commercio, del turismo e dell’azienda e collaborare con attività turistiche e commerciali per qualsiasi tipo di intermediazione interlinguistica.
L’autorizzazione allo svolgimento del corso è stata concessa ad ICOTEA dal MIUR (Ministero della Pubblica Istruzione, Università e Ricerca), con il D.M. del 23/09/2013, pubblicato in G.U. n.242 del 15/10/2013.
L’autorizzazione allo svolgimento del corso è stata concessa ad ICOTEA dal MIUR (Ministero della Pubblica Istruzione, Università e Ricerca), con il D.M. del 23/09/2013, pubblicato in G.U. n.242 del 15/10/2013.
Il Corso si svolge in modalità e-learning, una soluzione insostituibile ed estremamente vantaggiosa che permette di conciliare studio e lavoro. Il laureato in Scienze della Mediazione Linguistica dispone di un titolo del tutto equipollente al Diploma di Laurea rilasciato dalle Università, ai sensi del D.M. n. 38 del 10/01/2002.
Il percorso formativo è parzialmente finanziato dall’ Unione Europea mediante Voucher Formativo, contributo valido fino al 31/07/2017 che Icotea ha ottenuto a copertura parziale dell’importo del corso.

Le proposte formative avanzate da ICOTEA con il Master Metodologie Didattiche, Digitali e Nuovi Ambienti di Apprendimento - monte ore 1500 - durata 12 mesi - 60 CFU/20CFP, presentano una selezione delle più innovative metodologie educativo-didattiche.

Agli stranieri che vivono in Italia il Master Icotea si presenta come uno strumento di fondamentale utilità. L’aspirazione degli immigrati è quella di poter fruire di livelli di integrazione culturale e sociale sempre più elevati. La scuola è la sede ed il laboratorio centrale di questa integrazione.

Il Master si prefigge di sostituire alle metodologie didattiche tradizionali, fondate esclusivamente sull’attività espositiva del docente, sulla sua unilaterale trasmissione e sull’apprendimento passivo dell’alunno, azioni formative nuove, attive, fondate su un apprendimento autonomo, su un contenuto personalizzato, cioè adattato alle caratteristiche individuali di coloro che apprendono, capaci di rendere lo studente protagonista.

In un contesto multiculturale e plurilinguistico, questi nuovi metodi sono più efficaci. Gli alunni appartenenti a famiglie straniere in Italia ne potranno ottenere grandi benefici. La scuola non li trascura, anzi li coinvolge in apprendimenti collegiali, collaborativi, in azioni di laboratorio, in prove di problem solving o di role play che costituiscono sostanza di un’integrazione spontanea.

Anche l’aspetto lavorativo è centrato. I 60 crediti formativi universitari e i 20 crediti formativi professionali che il Master produce sono preziosi per la fisionomia professionale di chiunque voglia inserirsi in attività lavorative scolastiche e non, pubbliche e private.

Il Master è utile e comodo, perché tutto il suo contenuto è predisposto per la fruizione online a distanza mediante pc/tablet, da qualsiasi luogo ed in qualsiasi momento. 

Tra le novità didattiche importanti sono da segnalare la presenza di un portale formativo disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7, e la presenza di un Tutor qualificato che risponde in 24 ore a qualsiasi quesito.

L’investimento è ridotto grazie alla possibilità di utilizzare un Voucher formativo finanziato dall’Unione Europea che Icotea ha ottenuto proprio per abbattere l’onere della partecipazione. Per fruire di tale beneficio è indispensabile iscriversi entro e non oltre il 30 Giugno 2017.

Nel Piano di studi rientrano tutte le novità della didattica, dalle metodologie visive ai contenuti didattici digitali, dall’e-learning al blended learning, dall’alternanza scuola-lavoro al metodo integrato di Gordon, dalla CLIL alle varie applicazioni delle TIC sulla trasformazione degli ambienti di apprendimento. Tutte le informazioni utili sono disponibili sul portale di ICOTEA.

Un  master che va a rendere ancora più completo il quadro delle azioni formative di ICOTEA destinate al settore della mediazione culturale e linguistica e alla formazione orientata a promuovere l’integrazione culturale e lavorativa.

Master Metodologie Didattiche, Digitali e Nuovi Ambienti di Apprendimento linkhttp://www.icotea.it/catalogo-metodologie_didattiche_digitali_e_nuovi_ambienti_di_apprendimento-p117956.html 

Quella di ICOTEA non è un’alternativa alla formazione, bensì una formazione alternativa. Specie quando, pur a distanza, è vicina ai più deboli.

Il Master Online ICOTEA sui Disturbi specifici dell’Apprendimento (DSA) è un Master di primo livello che è rivolto a formare personale specializzato che possieda gli strumenti conoscitivi e operativi adeguati alla valutazione diagnostica e alla riabilitazione dei DSA. Il monte ore è di 1500.

 

Cosa sono i DSA? Lo descriviamo sinteticamente.

L’ingresso del bambino nella scuola elementare può non essere fortunato. Anche se privo di patologie neurologiche e di deficit intellettivi e sensoriali, il bambino può manifestare ugualmente i seguenti disturbi specifici dell’apprendimento (DSA): dislessia, un disturbo specifico della lettura che si manifesta con una difficoltà nella decodifica del testo; disortografia, un disturbo della scrittura che si manifesta con difficoltà nelle competenze ortografiche e fonografiche; disgrafia che consiste in una difficoltà nell’abilità motoria della scrittura; discalculia che consiste in una difficoltà nelle attività di calcolo e disprassia, un disturbo cognitivo-comportamentale che consiste nel venir meno della capacità di compiere un movimento volontario.

Questi disturbi non dipendono nemmeno dal contesto socio-culturale. Il bambino può accusarli anche se ha ricevuto un’istruzione adeguata. Le cause sono invece delle alterazioni neuro-biologiche che hanno una matrice evolutiva.

La legge 170/2010 e il decreto attuativo del 12.07.2011, con allegate le linee guida, invitano a comprendere come i bambini con DSA abbiano intelligenza non inferiore ma stili cognitivi diversi da quelli comuni. Tale norma prevede per essi il diritto a strumenti didattici e tecnologici di tipo compensativo (sintesi vocale, registratore, programmi di video-scrittura con correttore ortografico) e a misure dispensative che consentano loro di sostituire alcuni tipi di prove valutative con altre equipollenti più adatte.

 

Il Master ICOTEA sui DSA è parzialmente finanziato dall’Unione Europea mediante Voucher Formativo, il cui godimento comporta una riduzione dell’importo totale. Inoltre l’investimento è rateizzabile senza alcun costo aggiuntivo. Per questo è necessario iscriversi entro il 30 Maggio 2017.

ICOTEA è Istituto formativo accreditato presso il MIUR ai sensi della Direttiva 170/2016 Codice Esercente ZAIXV. Pertanto, i docenti possono iscriversi al Master usufruendo dei 500,00 euro della Carta del Docente.

Il Master fa conseguire a coloro che lo frequentano 24 Crediti Formativi Universitari (CFU) nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie didattiche, con 6 crediti formativi in almeno tre degli ambiti disciplinari sopra citati, in vista del prossimo Concorso Docenti previsto per il 2018.

Agli operatori del settore sanitario verrà rilasciato un Certificato di 50 Crediti Formativi ECM (Educazione Continua in Medicina), essendo ICOTEA accreditato presso il Ministero della Salute in qualità di Provider n.4182 per la formazione ECM.

Ai liberi professionisti e ai dipendenti pubblici o privati iscritti presso Ordini/Albi/Collegi il Master fa ottenere 20 Crediti Formativi Professionali.

L’attestato finale ha valore legale sia in Italia che all’estero.

 

L’inizio del Master avviene nelle 24 ore successive all’iscrizione.

Gli studenti potranno avvalersi della normativa vigente sul diritto allo studio che garantisce 150 ore annue per la formazione. Essi potranno inoltre usufruire di un portale formativo attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e dell’assistenza qualificata da parte di un tutor che risponderà a tutti i quesiti entro 24 ore.

L’accesso è consentito a coloro che hanno la laurea o il diploma di laurea nelle seguenti aree disciplinari: materie umanistiche, sociologia, psicologia, pedagogia, scienze sociali, infermieristiche, logopedia, medicina, diritto.

 

Il Master DSA di ICOTEA promuove lo sviluppo di competenze utilizzabili in specifici contesti professionali:

  • Concorsi, libera professione, avanzamenti di carriera;

  • Ambito clinico privato;

  • Settore pubblico (ASP – reparti di neuropsichiatria infantile);

  • Cooperative sociali;

  • Associazioni e strutture convenzionate che lavorano nell’ambito dei DSA;

  • Graduatorie scolastiche.

 

Tra le competenze più importanti spicca quella relativa alla predisposizione del Piano Didattico Personalizzato (PDP) per gli studenti con DSA. La personalizzazione e la individualizzazione dell’apprendimento sono fondamentali. Sono, infatti, le metodologie, i tempi e gli strumenti che devono essere diversificati, ma non gli obiettivi. Le difficoltà, lo ripetiamo, non riguardano la capacità cognitiva, ma l’abilità a saper accedere alla conoscenza attraverso i normali canali.

Il PDP è un contratto tra famiglia, scuola e istituzioni socio-sanitarie, per organizzare un percorso mirato, nel quale vengono soprattutto definiti gli strumenti compensativi e dispensativi che aiutano al raggiungimento del successo scolastico degli studenti con DSA.

In una società sempre più fondata sulla concorrenza globale tra idee, imprese, prodotti e curricula, non ci si può permettere di lasciare indietro un portatore temporaneo di svantaggio.

ICOTEA lavora anche per agevolare coloro che vivono nel nostro paese come stranieri, sapendo che la formazione è preziosa quando è rivolta a far sì che il lavoro sia per l’uomo, e non l’uomo per il lavoro.

È questo l’unico futuro sostenibile!

 

 

Il titolo non è un’iperbole. Non vuole essere una provocazione, contenente un’esagerazione. Esso, al contrario, può essere una realistica rappresentazione della situazione che sta maturando nel nostro Paese, nel settore del lavoro scolastico.

L’immigrato intellettuale, laureato ma disoccupato, può trovare occupazione nella scuola italiana, come docente.

Sono tanti, anzi tantissimi, gli immigrati in Italia che dispongono di una laurea italiana, o straniera equipollente a quelle italiane dello stesso tipo. A quanti, tra questi, già titolati dal punto di vista della conoscenza della nostra lingua, dovesse interessare l’insegnamento nelle nostre scuole secondarie, tendono la mano le nuove norme, in esame al Parlamento, per la disciplina dell’accesso al Concorso per docenti, che si prevede di prossima indizione.

Tali norme si caratterizzano per un intento di valorizzazione sociale e culturale dell’attività del docente. Richiedono, infatti, 24 crediti formativi universitari o accademici nelle seguenti quattro materie: antropologia, psicologia, pedagogia e metodologia didattica. Inoltre sono orientate a fissare, come requisito minimo, il possesso di almeno sei crediti in almeno tre della quattro materie suindicate.

L’immigrato intellettuale, laureato ma disoccupato, trova in ICOTEA, gli strumenti più consoni all’eventuale suo proposito di trovare occupazione nella scuola italiana, come docente. Per i seguenti motivi:

perché ICOTEA è un Istituto formativo accreditato presso il MIUR, secondo la Direttiva 170/2016 (Codice Esercente ZAIXV), e riconosciuto da vari altri Ministeri, Enti ed Ordini professionali;

perché ICOTEA ha una collaudata esperienza anche nel settore della Mediazione Linguistica e Culturale, avendo attivato in questo senso un apposito Corso di Laurea;

perché ICOTEA ha lavorato da sempre, con strategie mirate, alla predisposizione di strumenti culturali e linguistici per la formazione e preparazione degli stranieri in Italia (Corsi, Master, ecc.);

perché ICOTEA, nell’ambito della sua programmazione, ha già inserito e predisposto un MASTER intitolato “Pedagogia e Scuola”, per un ammontare complessivo di 1500 ore ed una durata di 12 mesi.

La frequenza di questo MASTER consente ai corsisti, alla fine del Corso, di conseguire un attestato avente valore legale sia in Italia che all’estero. Tale attestato comporta il conseguimento per il corsista di 60 crediti formativi universitari o accademici.

Inoltre, l’attestato finale comporta, per i corsisti già operanti nel settore della Sanità, l’ottenimento di 50 crediti formativi in ECM (Educazione Continua in Medicina), essendo ICOTEA accreditato anche presso il Ministero della Salute.

L’occasione è preziosa.

L’attestato potrà essere utilizzato in tutti i concorsi pubblici e per ogni tipo di avanzamento di carriera. Ai dipendenti pubblici e privati ed ai liberi professionisti, esso assegna crediti formativi professionali.

Al Master si accede con la Laurea o con diploma di Laurea in discipline umanistiche, psicologiche, pedagogiche e sociali. Esso si rivolge ad insegnanti, docenti, aspiranti alla docenza tramite il suddetto concorso, ai precari, agli immigrati titolati, ai Capi d’Istituto.

Le novità didattiche, molto utili agli stranieri in Italia, sono rilevanti. Gli studenti potranno avvalersi di un portale formativo attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Le lezioni, che hanno inizio 24 ore dopo l’iscrizione, si effettuano a distanza, online, ed è possibile fruirne, tramite il proprio computer, da qualsiasi luogo ed in qualsiasi momento. 

Anche gli esami avvengono online.

Ogni corsista può avvalersi dell’attività di un tutor che metterà la sua preparazione alla base delle sue risposte a tutti i quesiti che gli studenti vorranno sottoporgli riguardo agli argomenti del corso.

Il Master ICOTEA, ai vantaggi competitivi derivanti dalle novità didattiche e dalla versatilità di impiego del relativo attestato finale, aggiunge una straordinaria convenienza economica.

Infatti, ICOTEA, grazie alle sue credenziali formative, beneficia di un riconoscimento da parte dell’Unione Europea, che con un Voucher Formativo Finanziato, copre parzialmente il costo del Master per ogni singolo corsista.

Il Voucher è compatibile con la Carta del Docente.

Infine,  in due versamenti.

L’investimento sul futuro è sicuro.

L’integrazione, in una società multiculturale e multietnica, è anche e soprattutto questo: conoscenza, rispetto, apprendimento ed insegnamento delle rispettive culture. 

ICOTEA lo ritiene indispensabile e ne ha fatto un vessillo.

 

 

 

 

Il nuovo portale INPS è descritto come più moderno, semplice e facile da usare, soprattutto per pagare i contributi, ma all’inizio c’è il rischio di perdersi.
Una volta entrati nel nuovo sito inps.it, bisogna entrare in Entra i MyINPS. Quindi inserire il proprio codice fiscale e PIN.
A questo punto si apre una pagina di benvenuto con una bacheca che si potrà personalizzare aggiungendo o rimuovendo elementi tra quelli disponibili, usando lo strumento GESTISCI WIDGET.
Ma per arrivare subito al servizio ricercato, vai su: TROVA IL SERVIZIO> VERSAMENTO ONLINE DEI CONTRIBUTI DEI LAVORATORI DOMESTICI > ACCEDI A questo punto si apre una finestra. Selezionate DATORI DI LAVORO DOMESTICO, FAMIGLIA > Pagamento Lavoratori Domestici > Nuovo pagamento > Attivi.
A questo punto selezionate il rapporto di cui volete saldare i contributi e cliccate AVANTI. Per inserire il contributo Cassacolf dovete cliccare su QUOTA ASSOCIATIVA e selezionare FONDO COLF.
Nel riquadro inserite il contributo richiesto (ore effettive retribuite x €0,05) e cliccate avanti.
Qualora proprio non ci riusciste a portare a termine la procedura (a noi è risultato “errore interno”), potrete sempre tornare alla vecchia procedura. TROVA IL SERVIZIO> VERSAMENTO ONLINE DEI CONTRIBUTI DEI LAVORATORI DOMESTICI > ACCEDI A questo punto si apre una finestra. Selezionate PORTALE DEI PAGAMENTI e vi ritroverete nel solito vecchio e fidato portale.
Per sapere di più sui contributi da pagare: I CONTRIBUTI

CONTENUTO SPONSORIZZATO

Sono state fissate da associazioni dei datori e sindacati tenendo conto delle variazioni (appena + 0,1%) del costo della vita. Tutti i nuovi valori

Quasi 900 mila lavoratori regolari, +42% negli ultimi 8 anni. Così lo Stato risparmia sull'assistenza e si favorisce il lavoro delle donne italiane. Lo studio di Fondazione Leone Moressa e Domina

CONTENUTO SPONSORIZZATO

I datori di lavoro devono fare il versamento per ottobre, novembre e dicembre 2016. Ecco come calcolare gli importi

Per Natale devo pagare la tredicesima alla mia colf? Quanto le devo dare? Come faccio a sapere l'importo preciso?

CONTENUTO SPONSORIZZATO