News - Colf e badanti

Sidebar

28
Dom, Mag

Quella di ICOTEA non è un’alternativa alla formazione, bensì una formazione alternativa. Specie quando, pur a distanza, è vicina ai più deboli.

Il Master Online ICOTEA sui Disturbi specifici dell’Apprendimento (DSA) è un Master di primo livello che è rivolto a formare personale specializzato che possieda gli strumenti conoscitivi e operativi adeguati alla valutazione diagnostica e alla riabilitazione dei DSA. Il monte ore è di 1500.

 

Cosa sono i DSA? Lo descriviamo sinteticamente.

L’ingresso del bambino nella scuola elementare può non essere fortunato. Anche se privo di patologie neurologiche e di deficit intellettivi e sensoriali, il bambino può manifestare ugualmente i seguenti disturbi specifici dell’apprendimento (DSA): dislessia, un disturbo specifico della lettura che si manifesta con una difficoltà nella decodifica del testo; disortografia, un disturbo della scrittura che si manifesta con difficoltà nelle competenze ortografiche e fonografiche; disgrafia che consiste in una difficoltà nell’abilità motoria della scrittura; discalculia che consiste in una difficoltà nelle attività di calcolo e disprassia, un disturbo cognitivo-comportamentale che consiste nel venir meno della capacità di compiere un movimento volontario.

Questi disturbi non dipendono nemmeno dal contesto socio-culturale. Il bambino può accusarli anche se ha ricevuto un’istruzione adeguata. Le cause sono invece delle alterazioni neuro-biologiche che hanno una matrice evolutiva.

La legge 170/2010 e il decreto attuativo del 12.07.2011, con allegate le linee guida, invitano a comprendere come i bambini con DSA abbiano intelligenza non inferiore ma stili cognitivi diversi da quelli comuni. Tale norma prevede per essi il diritto a strumenti didattici e tecnologici di tipo compensativo (sintesi vocale, registratore, programmi di video-scrittura con correttore ortografico) e a misure dispensative che consentano loro di sostituire alcuni tipi di prove valutative con altre equipollenti più adatte.

 

Il Master ICOTEA sui DSA è parzialmente finanziato dall’Unione Europea mediante Voucher Formativo, il cui godimento comporta una riduzione dell’importo totale. Inoltre l’investimento è rateizzabile senza alcun costo aggiuntivo. Per questo è necessario iscriversi entro il 30 Maggio 2017.

ICOTEA è Istituto formativo accreditato presso il MIUR ai sensi della Direttiva 170/2016 Codice Esercente ZAIXV. Pertanto, i docenti possono iscriversi al Master usufruendo dei 500,00 euro della Carta del Docente.

Il Master fa conseguire a coloro che lo frequentano 24 Crediti Formativi Universitari (CFU) nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie didattiche, con 6 crediti formativi in almeno tre degli ambiti disciplinari sopra citati, in vista del prossimo Concorso Docenti previsto per il 2018.

Agli operatori del settore sanitario verrà rilasciato un Certificato di 50 Crediti Formativi ECM (Educazione Continua in Medicina), essendo ICOTEA accreditato presso il Ministero della Salute in qualità di Provider n.4182 per la formazione ECM.

Ai liberi professionisti e ai dipendenti pubblici o privati iscritti presso Ordini/Albi/Collegi il Master fa ottenere 20 Crediti Formativi Professionali.

L’attestato finale ha valore legale sia in Italia che all’estero.

 

L’inizio del Master avviene nelle 24 ore successive all’iscrizione.

Gli studenti potranno avvalersi della normativa vigente sul diritto allo studio che garantisce 150 ore annue per la formazione. Essi potranno inoltre usufruire di un portale formativo attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e dell’assistenza qualificata da parte di un tutor che risponderà a tutti i quesiti entro 24 ore.

L’accesso è consentito a coloro che hanno la laurea o il diploma di laurea nelle seguenti aree disciplinari: materie umanistiche, sociologia, psicologia, pedagogia, scienze sociali, infermieristiche, logopedia, medicina, diritto.

 

Il Master DSA di ICOTEA promuove lo sviluppo di competenze utilizzabili in specifici contesti professionali:

  • Concorsi, libera professione, avanzamenti di carriera;

  • Ambito clinico privato;

  • Settore pubblico (ASP – reparti di neuropsichiatria infantile);

  • Cooperative sociali;

  • Associazioni e strutture convenzionate che lavorano nell’ambito dei DSA;

  • Graduatorie scolastiche.

 

Tra le competenze più importanti spicca quella relativa alla predisposizione del Piano Didattico Personalizzato (PDP) per gli studenti con DSA. La personalizzazione e la individualizzazione dell’apprendimento sono fondamentali. Sono, infatti, le metodologie, i tempi e gli strumenti che devono essere diversificati, ma non gli obiettivi. Le difficoltà, lo ripetiamo, non riguardano la capacità cognitiva, ma l’abilità a saper accedere alla conoscenza attraverso i normali canali.

Il PDP è un contratto tra famiglia, scuola e istituzioni socio-sanitarie, per organizzare un percorso mirato, nel quale vengono soprattutto definiti gli strumenti compensativi e dispensativi che aiutano al raggiungimento del successo scolastico degli studenti con DSA.

In una società sempre più fondata sulla concorrenza globale tra idee, imprese, prodotti e curricula, non ci si può permettere di lasciare indietro un portatore temporaneo di svantaggio.

ICOTEA lavora anche per agevolare coloro che vivono nel nostro paese come stranieri, sapendo che la formazione è preziosa quando è rivolta a far sì che il lavoro sia per l’uomo, e non l’uomo per il lavoro.

È questo l’unico futuro sostenibile!

 

 

Il titolo non è un’iperbole. Non vuole essere una provocazione, contenente un’esagerazione. Esso, al contrario, può essere una realistica rappresentazione della situazione che sta maturando nel nostro Paese, nel settore del lavoro scolastico.

L’immigrato intellettuale, laureato ma disoccupato, può trovare occupazione nella scuola italiana, come docente.

Sono tanti, anzi tantissimi, gli immigrati in Italia che dispongono di una laurea italiana, o straniera equipollente a quelle italiane dello stesso tipo. A quanti, tra questi, già titolati dal punto di vista della conoscenza della nostra lingua, dovesse interessare l’insegnamento nelle nostre scuole secondarie, tendono la mano le nuove norme, in esame al Parlamento, per la disciplina dell’accesso al Concorso per docenti, che si prevede di prossima indizione.

Tali norme si caratterizzano per un intento di valorizzazione sociale e culturale dell’attività del docente. Richiedono, infatti, 24 crediti formativi universitari o accademici nelle seguenti quattro materie: antropologia, psicologia, pedagogia e metodologia didattica. Inoltre sono orientate a fissare, come requisito minimo, il possesso di almeno sei crediti in almeno tre della quattro materie suindicate.

L’immigrato intellettuale, laureato ma disoccupato, trova in ICOTEA, gli strumenti più consoni all’eventuale suo proposito di trovare occupazione nella scuola italiana, come docente. Per i seguenti motivi:

perché ICOTEA è un Istituto formativo accreditato presso il MIUR, secondo la Direttiva 170/2016 (Codice Esercente ZAIXV), e riconosciuto da vari altri Ministeri, Enti ed Ordini professionali;

perché ICOTEA ha una collaudata esperienza anche nel settore della Mediazione Linguistica e Culturale, avendo attivato in questo senso un apposito Corso di Laurea;

perché ICOTEA ha lavorato da sempre, con strategie mirate, alla predisposizione di strumenti culturali e linguistici per la formazione e preparazione degli stranieri in Italia (Corsi, Master, ecc.);

perché ICOTEA, nell’ambito della sua programmazione, ha già inserito e predisposto un MASTER intitolato “Pedagogia e Scuola”, per un ammontare complessivo di 1500 ore ed una durata di 12 mesi.

La frequenza di questo MASTER consente ai corsisti, alla fine del Corso, di conseguire un attestato avente valore legale sia in Italia che all’estero. Tale attestato comporta il conseguimento per il corsista di 60 crediti formativi universitari o accademici.

Inoltre, l’attestato finale comporta, per i corsisti già operanti nel settore della Sanità, l’ottenimento di 50 crediti formativi in ECM (Educazione Continua in Medicina), essendo ICOTEA accreditato anche presso il Ministero della Salute.

L’occasione è preziosa.

L’attestato potrà essere utilizzato in tutti i concorsi pubblici e per ogni tipo di avanzamento di carriera. Ai dipendenti pubblici e privati ed ai liberi professionisti, esso assegna crediti formativi professionali.

Al Master si accede con la Laurea o con diploma di Laurea in discipline umanistiche, psicologiche, pedagogiche e sociali. Esso si rivolge ad insegnanti, docenti, aspiranti alla docenza tramite il suddetto concorso, ai precari, agli immigrati titolati, ai Capi d’Istituto.

Le novità didattiche, molto utili agli stranieri in Italia, sono rilevanti. Gli studenti potranno avvalersi di un portale formativo attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Le lezioni, che hanno inizio 24 ore dopo l’iscrizione, si effettuano a distanza, online, ed è possibile fruirne, tramite il proprio computer, da qualsiasi luogo ed in qualsiasi momento. 

Anche gli esami avvengono online.

Ogni corsista può avvalersi dell’attività di un tutor che metterà la sua preparazione alla base delle sue risposte a tutti i quesiti che gli studenti vorranno sottoporgli riguardo agli argomenti del corso.

Il Master ICOTEA, ai vantaggi competitivi derivanti dalle novità didattiche e dalla versatilità di impiego del relativo attestato finale, aggiunge una straordinaria convenienza economica.

Infatti, ICOTEA, grazie alle sue credenziali formative, beneficia di un riconoscimento da parte dell’Unione Europea, che con un Voucher Formativo Finanziato, copre parzialmente il costo del Master per ogni singolo corsista.

Il Voucher è compatibile con la Carta del Docente.

Infine,  in due versamenti.

L’investimento sul futuro è sicuro.

L’integrazione, in una società multiculturale e multietnica, è anche e soprattutto questo: conoscenza, rispetto, apprendimento ed insegnamento delle rispettive culture. 

ICOTEA lo ritiene indispensabile e ne ha fatto un vessillo.

 

 

 

 

Il nuovo portale INPS è descritto come più moderno, semplice e facile da usare, soprattutto per pagare i contributi, ma all’inizio c’è il rischio di perdersi.
Una volta entrati nel nuovo sito inps.it, bisogna entrare in Entra i MyINPS. Quindi inserire il proprio codice fiscale e PIN.
A questo punto si apre una pagina di benvenuto con una bacheca che si potrà personalizzare aggiungendo o rimuovendo elementi tra quelli disponibili, usando lo strumento GESTISCI WIDGET.
Ma per arrivare subito al servizio ricercato, vai su: TROVA IL SERVIZIO> VERSAMENTO ONLINE DEI CONTRIBUTI DEI LAVORATORI DOMESTICI > ACCEDI A questo punto si apre una finestra. Selezionate DATORI DI LAVORO DOMESTICO, FAMIGLIA > Pagamento Lavoratori Domestici > Nuovo pagamento > Attivi.
A questo punto selezionate il rapporto di cui volete saldare i contributi e cliccate AVANTI. Per inserire il contributo Cassacolf dovete cliccare su QUOTA ASSOCIATIVA e selezionare FONDO COLF.
Nel riquadro inserite il contributo richiesto (ore effettive retribuite x €0,05) e cliccate avanti.
Qualora proprio non ci riusciste a portare a termine la procedura (a noi è risultato “errore interno”), potrete sempre tornare alla vecchia procedura. TROVA IL SERVIZIO> VERSAMENTO ONLINE DEI CONTRIBUTI DEI LAVORATORI DOMESTICI > ACCEDI A questo punto si apre una finestra. Selezionate PORTALE DEI PAGAMENTI e vi ritroverete nel solito vecchio e fidato portale.
Per sapere di più sui contributi da pagare: I CONTRIBUTI

Altri articoli...