"Tra vent’anni…" La vita e i sogni di colf, badanti e babysitter - Colf e badanti

Sidebar

22
Mer, Nov

News

altNel video delle Acli Colf le testimonianze e i progetti di chi lavora nelle case degli italiani. "Mi sento appagata perché aiuto qualcuno che senza di me farebbe una vita molto brutta"

Roma – 21 luglio 2014 - “L’Italia per me è l’America” spiega Rachel. Ed è lo spirito con cui lei e le altre colf, badanti e babysitter lavorano nelle nostre case.

Sfruttamento, fatica, enormi responsabilità, zero tempo libero. Eppure amano quello che fanno: “Sto lavorando con un essere umano, e mi sento appagata perché aiuto qualcuno che senza di me farebbe una vita molto brutta”.

Animazione Flash

Con il video “Tra vent’anni…” Acli Colf  continua il suo Viaggio nel lavoro di cura. Dopo i dati raccolti in un corposo dossier, ecco le testimonianze delle donne e dei pochi uomini che hanno lasciato in patria genitori e figli per curare i genitori e i figli degli altri.

“Il video parte dall'incontro con chi ha creduto in un  nuovo progetto di vita. Prova a cogliere come viene percepito il futuro, anche in tempo di crisi come l'attuale, raccontando a partire dal lavoro domestico e di cura come ci si immagina domani o magari .... tra vent'anni” spiega Raffaella Maioni, responsabile nazionale di Acli Colf.

“Io mi sento italiana anche se non ho la cittadinanza italiana, perché condivido l’allegria e la tristezza del popolo italiano” racconta Lidia. Però c’è molta nostalgia. E tante, tra vent’anni, vorrebbero tornare a casa, magari a godersi una pensione che in Italia non garantirebbe loro la sopravvivenza.

Partiranno davvero? Intanto sono qui, per fortuna.

EP