Lutto o disgrazia familiare - Colf e badanti

Sidebar

18
Ven, Gen

Permessi per gravi motivi familiari

Colf, badanti e collaboratori familiari hanno diritto a tre giorni complessivi di permesso retribuito all'anno, in caso di decesso o di documentata grave infermità:

  • del coniuge (anche legalmente separato);
  • di un parente entro il 2° grado, anche non convivente;
  • di un familiare convivente

Per fruire del permesso, l'interessato deve comunicare al datore di lavoro quanto è successo e i giorni in cui richiede di utilizzare il permesso.

I giorni di permesso devono essere utilizzati entro 7 giorni dal decesso o dall'accertamento dell'insorgenza della grave infermità o della necessità di provvedere a conseguenti specifici interventi terapeutici.

Nei giorni di permesso non sono considerati i giorni festivi e quelli non lavorativi.

Il giorni di permesso presi per disgrazia familiare non possono essere computati sul periodo di ferie annuali. Anzi, durante il periodo di permesso, la lavoratrice o il lavoratore maturano Tfr, anzianità di servizio, mensilità aggiuntive e ferie.

L’eventuale licenziamento della lavoratrice o del lavoratore durante il periodo di congedo è legittimo solo qualora sia stato ottemperato l’obbligo di preavviso. 

Diversa modalità di permesso

Nel caso di grave infermità, in alternativa all'utilizzo dei giorni di permesso, la lavoratrice o il lavoratore possono concordare con il datore di lavoro diverse modalità di espletamento dell'attività lavorativa, anche per periodi superiori a 3 giorni.

Tale accordo deve essere stipulato in forma scritta, sulla base della proposta della lavoratrice o del lavoratore. Nell'accordo devono essere  indicati i giorni di permesso che sono sostituiti dalle diverse modalità di espletamento dell'attività lavorativa.

La riduzione dell'orario di lavoro proposta deve essere complessivamente non inferiore ai giorni di permesso che vengono sostituiti.

La riduzione dell'orario di lavoro conseguente alle diverse modalità concordate deve avere inizio entro 7 giornidall'accertamento dell'insorgenza della grave infermità o della necessità di provvedere agli interventi terapeutici.

 

Fonte: DM 278 del 21/7/2000CCNL LAVORO DOMESTICO 1.03.2007 (art. 20) Nuovo contratto collettivo del lavoro domestico: CCNL 2013 (art.20)