Diritto allo studio - Colf e badanti

Sidebar

20
Mer, Mar

Permesso per studio

Il datore di lavoro è tenuto favorire la frequenza della colf o badante a corsi scolastici previsti per il conseguimento della scuola dell’obbligo o di specifico titolo professionale.

I permessi per studio dovranno essere concordati con il datore di lavoro, compatibilmente con le esigenze della vita familiare.

Le ore di lavoro non prestate per la frequenza dei corsi non sono retribuite, ma potranno essere recuperate a regime normale.

Invece, le ore relative agli esami annuali, che rientrano nell’orario giornaliero, sono retribuite nei limiti di quelle occorrenti agli esami stessi.

Per usufruire di questo diritto, il lavoratore è tenuto a esibire mensilmente un attesto di frequenza.

Fonte: art. 22 “Diritto allo studio” del CCNL 2013

*****

ALTRI CCNL:

CCNL UGL/Confimea/Federterziario: Art. 19. Non sono retribuite le ore di lavoro non prestate per tali motivi

CCNL Ebilcoba: Art. 22.Non sono retribuite le ore di lavoro non prestate per tali motivi; le ore relative agli esami annuali, sono retribuite nei limiti di quelle occorrenti agli esami stessi, sericadenti nell’orario giornaliero.